80 anni del Guggenheim Museum, una mostra per raccontare la sua collezione

Pubblicità
Pubblicità

Il Guggenheim Museum di New York quest’anno celebra il suo 80esimo compleanno e festeggia con la mostra “Visionaries: Creating a Modern Guggenheim”. 170 opere provenienti dalle collezioni permanenti del museo fondato da Solomon R. Guggenheim e dalla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia.

Una mostra vede ancora una volta Lavazza come partner globale del celebre museo newyorkese dopo i passati eventi espositivi “Futurismo Italiano, 1909-1944: Reconstructing the Universe”, “Alberto Burri: The Trauma of Painting” e “Moholy-Nagy: Present Future.

Guggenheim Museum una storia lunga “quasi” un secolo

Inizialmente denominato Museo della pittura non-oggettiva, il museo venne costruito nel 1937 per esporre le avanguardie artistiche che si andavano sempre più imponendo, tra cui l’astrattismo capitanato da artisti come Vasilij Kandinskij e Piet Mondrian.

Tuttavia fu trasferito nella sede attuale soltanto nel 1943, nella celebre rotonda progettata da Frank Lloyd Wright, che adesso è tra le più importanti architetture del XX secolo.

Guggenheim Museum 80 Anni

170 opere raccontano la storia e mission di uno dei musei più famosi al mondo

L’imponente esposizione mette in scena tutte le principali opere figurative del XIX e XX secolo raccolte grazie all’attività di sei mecenati, che hanno contribuito a costruire la Guggenheim Foundation, facendo confluire le loro collezioni personali all’interno di questa istituzione pubblica.

Curata da Megan Fontanella la mostra, visitabile fino al 6 settembre 2017,  esplora le innovazioni delle avanguardie con le opere di Alexander Calder, Paul Cézanne, Vasily Kandinsky, Picasso, Jackson Pollock, Vincent van Gogh, Marc Chagall, Piet Mondrian, Fernand Léger provenienti dalle collezioni di Katherine S. Dreier, Peggy e Solomon Guggenheim, Karl Nierendorf, Hilla Rebay, e Justin K. Thannhauser.

Guggenheim museum 80 anni

La mostra al Guggenheim Museum vuole inoltre porre l’accento sul fatto che molte delle opere in esposizione sono state create da artisti fuggiti dai loro paesi di origine ma che hanno trovato rifugio proprio negli Stati Uniti.

Fra le opere arrivate da Venezia ci sono dipinti di Max Ernst, Picasso, René Magritte, Yves Tanguy e le sculture di Joseph Cornell e Alberto Giacometti, raramente esposte fuori da Palazzo Venier de’ Leoni. Di particolare interesse la tela dipinta nel 1947 da Jackson Pollock “Alchemy”, appena restaurata e per la prima volta a New York dal 1969.

Leggi anche: La Spiral Jetty di Robert Smithson eletta simbolo nazionale dallo Utah

correlati

KIN 金, fotografia e kintsugi alla Galleria Expowall

La Galleria Expowall di Milano, ospita dal 20 maggio al 19 giugno, KIN 金. Fotografie di Carola Guainieri | Kintsugi di Anita Cerrato. Un progetto artistico, frutto di tre anni di...

Il Table Bench di Børge Mogensen in versione più piccola

Carl Hansen & Son presenta Table Bench BM0488S, una versione più piccola della famosa panca di Mogensen con il caratteristico sedile intrecciato, dettagli eleganti e l’accurata...

Estée Lauder presenta consulenze virtuali con esperti di bellezza

www.wallpepper.itwww.wallpepper.it estende l’esperienza degli appuntamenti online per permettere alle consumatrici di prenotare una consulenza o una lezione virtuale personalizzata con un esperto di bellezza....

Stampare foto: perché farlo online

Ormai la fotografia digitale è divenuta il principale metodo per ritrarre momenti importanti della vita e conservarne il ricordo. Chiunque, utilizzando un’apposita macchina fotografica...